Siete sul...FORUM degli appassionati MOTO GUZZI STELVIO e del GUZZI STELVIO CLUB !!!

Questo è uno spazio dedicato a tutti i possessori e simpatizzanti della MOTO GUZZI STELVIO

Registrati a questo FORUM e al SITO

 

Oggi è il 23 ott 2014, 4:59


Regole del forum


Messaggio rivolto ai "visitatori" e a chi ancora non è iscritto
L'iscrizione a questi forum è "legata" all'iscrizione al sito http://www.guzzistelvio.net .
Nella Home page del sito in alto a sinistra nelle opzioni del LOGIN si può fare questo!!!
Per correttezza, una volta iscritti modificare il proprio profilo inserendo almeno la LOCALITA' di provenienza.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
Autore Messaggio

MessaggioInviato: 27 feb 2012, 15:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11 giu 2010, 14:11
Messaggi: 2690
Località: Trieste
Siamo sul carso triestino appena oltre il confine italiano esattamente a Lokev (una volta
chiamato Corniale) un tipico paese carsico a 3 Km da Lipizza (Lipica in sloveno) e a 5 da
Sesana (in sloveno Sežana) o Basovizza . A Lokev si trova un'antica torre difensiva creata
dalla Serenissima nel 1485 per difesa del territorio dalle invasioni turche.
Oggi l'antica torre perfettamente conservata ospita il Museo della Guerra Tabor
(Latitudine 45°39'40.50"N-Longitudine 13°55'41.19"E).
E' un pò superficiale chiamarlo museo, perchè si tratta in verità di un vero e proprio
viaggio nel tempo attraverso la ricostruzione minuziosa di ambientazioni durante la
prima e seconda guerra mondiale con una tale abbondanza di elementi perfettamente
conservati e ancora efficenti da rendere questo museo unico al mondo.
Ed effettivamente questa collezione privata è finita nel libro dei Guinness World Records.
Srečko Rože collezionista di cimeli di guerra nonchè uno dei massimi esperti di reperti militari
oggi disponibile sulla piazza può vantare una collezione di oltre 290.000 reperti che coprono
uno spazio temporale ampio. Dall'epoca romana a quella turca, dal periodo Austro-Ungarico
a quello napoleonico, poi la prima e la seconda guerra mondiale e si arriva fino alla caduta
della Yugoslavia. Ovviamente sui tre piani del museo si può ammirare solo una piccola
parte di questo enorme patrimonio della nostra storia. Ma quello che attrae maggiormente
il visitatore non è tanto l'argomento trattato dove il binnomio guerra-morte la fa da
padrone quanto piuttosto lo stato eccellente di conservazione di qualsiasi oggetto esposto.
Oggetti di qualsiasi tipo che vanno dalle divise complete per ogni gruppo di appartenenza
tra i quali citiamo l'Afrika Korps, le SS, divise russe, americane comprese quelle usate
nello sbarco in Normandia, cetniche, ustascia e non ultime le italiane e quelle partigiane,
decorazioni di tutti i tipi, oggetti di uso personale come piatti, stoviglie piuttosto che
attrezzi da lavoro e fucine da campo. Tra le divise sicuramente non può lasciare indifferenti
quella originale del barone Svetozar Boroevic feldmaresciallo dell'esercito austroungarico
e comandante in capo del fronte dell'Isonzo dal 1915 al 1918. Per la sua tenacia e coraggio
con cui, sprezzante del pericolo, condusse le 12 battaglie dell'Isonzo contro il Regio Esercito
Italiano fu sopranominato "Leone dell'Isonzo". Tra le migliaia di armi esposte di tutti i tipi
e periodi non ci sono solo pistole o mitragliatrici ma anche mortai, mine anti-uomo, bombe
a grappolo e persino mine per affondare navi e fa bella mostra di se anche un razzo katiusha
usato dai sovietici nella campagna di Russia durante la seconda guerra mondiale.
Va detto che il museo ospita parecchi oggetti unici al mondo che qui sono visibili come ad
esempio una maschera anti gas per neonati, usata durante i bombardamenti o un
compressore per l'aria da campo del 1907 ancora operativo. Ci sono anche prototipi di armi,
pezzi veramente unici che sembrano appena usciti dalla fabbrica.
Fa impressione un fucile del periodo balilla. Apparentemente sembra un giocattolo ma in realtà
è una reale arma da fuoco con gittata utile di tiro di circa 100 metri. Veniva consegnato in mano
a bambini di 7 anni per prendere manualità con le armi da sparo prima di passare alle armi vere
e proprie. Il museo vanta riconoscimenti ufficiali da parte di molte forze armate tra le quali è
giusto ricordare la NATO. Parte di questa collezione viene utilizzata per mostre temetiche in giro
per i più prestigiosi musei della guerra del mondo. In pratica è un museo assolutamente da
vedere anche per chi non neccessariamente è un appassionato di armi ma semplicemente vuole
ripercorrere idealmente la nostra storia moderna per capire meglio quello che i testi scolastici
a malapena accennano. Una doverosa citazione va fatta al proprietario Srečko Rože, non solo
passione ma una enciclopedia vivente che lascia a bocca aperta chi lo ascolta per tanta precisione
e quantità di informazioni che è capace di proporre nelle sue visite guidate, invevitabile e trovo
comprensibile il brillare orgoglioso dei suoi occhi mentre descrive i singoli pezzi della collezione
d'armi privata più grande al mondo. Mi è piaciuta una frase di Srečko che voglio citare:
“ Non è l'arma che è pericolosa ma la mano dell'uomo che la impugna”.


Museo Militare "TABOR" Lokev
Proprietario: Srečko Rože
6219 Lokev
Tel: 05 7670107, 7670581
Mobile: 041 516 586
Sabato, Domenica
dalle 10.00 fino alle 12.00
Per visite fuori orario si prega
di telefonare per un appuntamento.


Allegati:
Commento file: Ricostruzione fedele della cucina di un fortino italiano
Lokev (2).jpg
Lokev (2).jpg [ 97.92 KiB | Osservato 155 volte ]
Commento file: Alcune delle oltre 5000 divise del museo.
Lokev (4).jpg
Lokev (4).jpg [ 110.42 KiB | Osservato 155 volte ]
Commento file: Srečko Rože il proprietario del museo.
Lokev (5).jpg
Lokev (5).jpg [ 91.67 KiB | Osservato 155 volte ]
Commento file: L'imponente torre del 1485 ospita il museo.
Lokev (6).jpg
Lokev (6).jpg [ 122.68 KiB | Osservato 155 volte ]

_________________
Se hai un sogno, vai e inseguilo.
ciao Ermanno
 Profilo  
 

MessaggioInviato: 27 feb 2012, 15:20 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11 giu 2010, 14:11
Messaggi: 2690
Località: Trieste
Le armi come forma d'arte....


Allegati:
Lokev.jpg
Lokev.jpg [ 127.83 KiB | Osservato 153 volte ]

_________________
Se hai un sogno, vai e inseguilo.
ciao Ermanno
 Profilo  
 

MessaggioInviato: 27 feb 2012, 15:27 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 11 giu 2010, 14:11
Messaggi: 2690
Località: Trieste
Una maschera antigas per bambini perfettamente funzionante.
Pezzo unico al mondo. E' presente al museo anche una maschera
antigas per neonati che si usava negli ospedali durante i
bombardamenti in caso di bombe al fosgene.


Allegati:
Lokev (3).jpg
Lokev (3).jpg [ 78.5 KiB | Osservato 150 volte ]

_________________
Se hai un sogno, vai e inseguilo.
ciao Ermanno
 Profilo  
 

MessaggioInviato: 27 feb 2012, 22:22 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: 10 ago 2010, 20:44
Messaggi: 1052
Grazie Bradipo :bravoo
ne avevo sentito parlare, ma poi non avevo mai approfondito:
un'altra bandierina farà bella mostra nella mia parete :l

Ciao e a prestooooooooooo :byee :boing1 :byee


ps:
abbiamo sempre più punti in comune :italy


 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY Bencio
Traduzione Italiana phpBB.it